Tecnologia UVC

Virus e batteri: cosa sono e come combatterli

La pulizia e l’igiene degli ambienti in cui si vive è direttamente correlata alla buona salute. Soprattutto se fatta in modo da abbattere i microorganismi. Ma virus e batteri cosa sono esattamente? E come combatterli?

L’epidemia di Covid-19 ha comprensibilmente alzato il livello di attenzione nei confronti della sanificazione. I locali, le superfici e gli oggetti di uso quotidiano devono essere tenuti puliti nel miglior modo possibile, per evitare la prolificazione di microorganismi potenzialmente contagiosi.

Ma il Coronavirus non è l’unico nemico invisibile da combattere. Chi ha un sistema immunitario debole o malattie croniche conosce già da tempo la necessità di vivere in ambienti libri da virus e batteri.

Corrette abitudini di igiene quotidiana sono quindi da tenere presente tanto negli spazi familiari quanto in quelli professionali. Ancora di più nei luoghi pubblici, come ristoranti, supermercati, palestre.

Ma quali sono gli agenti patogeni? E perché è difficile tenerne sotto controllo la prolificazione?

I VIRUS

Sono agenti patogeni infettivi, molto più piccoli dei batteri; per riprodursi devono invadere una cellula vivente. Quest’ultima prende il nome di cellula ospite; il virus vi penetra e libera il suo DNA o il suo RNA, che contengono le informazioni necessarie al virus per moltiplicarsi. Il materiale genetico del virus assume quindi il controllo della cellula e la costringe a replicare il virus stesso.

Generalmente, la cellula infetta muore poiché il virus impedisce lo svolgimento delle sue normali funzioni. Prima di morire però la cellula libera nuovi virus, che continuano a infettare altre cellule, con un meccanismo a catena che il corpo umano fatica a interrompere.

Questi germi vengono classificati in virus a DNA o virus a RNA, in base all’acido protagonista della replicazione. Fra quelli RNA rientrano i retrovirus, come l’HIV, ce hanno a tendenza a mutare nel tempo. Alcuni tipi di virus non uccidono le cellule che infettano, bensì ne alterano le funzioni; in alcuni casi, la cellula infetta perde il controllo della normale divisione cellulare e diventa tumorale.

COME ATTACCANO L’ORGANISMO UMANO

L’emergenza sanitaria ha reso tristemente noto il concetto di contagio, ovvero la trasmissione di una malattia da un individuo all’altro. I virus, invisibili all’occhio umano, possono penetrare nell’organismo umano per ingestione o inalazione. Questo significa che una persona affetta da un’infezione da virus può trasmettere l’agente patogeno diffondendolo inconsapevolmente nell’aria tossendo o starnutendo. Per questo la mascherina si è rivelata utile nel contenimento della diffusione del Covid-19: da una parte evitava che il virus fosse emesso nell’aria, dall’altra riduce il rischio di inalazione.

I virus non vivono spontaneamente nell’aria o sulle superfici, hanno bisogno di un corpo vivente per sopravvivere. Per questo il distanziamento aiuta a prevenire il contagio; è il passaggio dietto fra le persone la causa prima di infezione. I micro organismi riescono però a sopravvivere per breve tempo lontano dall’organismo umano, ed ecco perché vanno comunque messe in atto delle misure preventive che riguardano gli oggetti di uso quotidiano.

Consigliato sempre l’uso di fazzoletti usa e getta, da eliminare immediatamente dopo essere soffiati il naso o essersi puliti la bocca. L’abitudine di toccarsi il viso, inoltre, è innata in tutti, un’azione che si compie spesso senza neppure registrala coscientemente. Ecco perché così spesso il Ministero della salute ha sottolineato l’importanza della frequente e approfondita igiene delle mani.

Per alcune infezioni, i virus vengono riscontrati anche nelle feci delle persone che ne sono affette. Questo è un altro potenziale, sebbene meno frequente, canale di trasmissione. La pulizia di bagni e sanitari e un costante e corretto lavaggio delle mani sono prevenzioni da mettere sempre in atto.

Infine, il virus può introdursi nell’organismo anche tramite i rapporti sessuali, e talvolta attraverso le punture di insetto.

LE INFEZIONI

Il tipo più comune di infezione da virus interessa le vie aeree superiori, ovvero naso e gola. E’ il caso delle influenze stagionali, che si diffondono soprattutto nei mesi invernali. Le complicazioni possono diventare gravi, come nel caso delle polmoniti causate dall’infezione Sars Cov 2.

Ogni tipo di virus generalmente infetta un tipo preciso di cellula. Per esempio, i virus del raffreddore comune infettano soltanto le cellule delle vie aeree superiori. La comune influenza si risolve in pochi giorni per chiunque sia in normali condizioni di salute. Tuttavia, per anziani o lattanti, o per chi convive con una malattia cronica, l’influenza stagionale può avere complicazioni importanti.

Piuttosto contagiose anche i virus che causano infezioni all’apparato gastrointestinale la gastroenterite è causato dal norovirus o il rotavirus. Le più comuni infezioni della pelle, invece, sono le verruche.

Per quanto nella stragrande maggioranza de casi questi disturbi si risolvono in modo rapido e senza conseguenze, è sempre meglio limitarne la diffusione. Un’approfondita pulizia degli ambienti casalinghi e egli getti che vi entrano quotidianamente, dalle scarpe alla borsone della piscina, sono un’ottima forma di prevenzione.

VIRUS E BATTERI: QUAL È LA DIFFERENZA?

Entrambi sono agenti patogeni, ma sono classificati diversamente. I batteria sono creature minuscole, mentre si sta ancora discutendo se i virus siano forme di vita. Questo perché non possono vivere e moltiplicarsi autonomamente, come fanno i batteri, ma hanno sempre bisogno di una cellula ‘ospite’.

Diverse sono anche le armi che abbiamo a nostra diposizione per combatterle. Mentre per le infezioni batteriche può essere utile – dietro prescrizione medica – assumere un antibiotico, questo medicinale risulta inutile per le infezioni di tipo virale.

Attenzione anche ai prodotti disinfettanti, anche farmaceutici:  non offrono protezione contro i virus, ma solo contro i batteri. Solo se l’efficacia contro i virus è chiaramente indicata sulla confezione, allora il prodotto offre protezione sia contro batteri che virus.

Per la sanificazione d oggetti e locali si può ricorrere anche ai metodi a raggi ultravioletti, più ecologici dei prodotti chimici.

Questo articolo è comparso per la prima volta sul blog UV STERIL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *